Prospero

donazione

Se ti piacciono le mie storie, sostienimi con un’offerta. Pochi centesimi, o quello che vuoi tu! Grazie!

€0,50

Questa è la casa de Prospero. E’ grande e comprata coi sordi de la liquidazione dello Stato. C’ha la mojie che sta male, è mezza cecata. Quanno la mojie, ‘a sora Cecilia, va a compra’ er pane da Nando, la cojionano tutti, de nascosto però, sotto i baffi, perché nun ce vede e chiede sempre chi è chi è e fino a che nun jielo dicono insiste; è tosta, come la pelle dei polli. Prospero dice che le donne vanno trattate cor gatto a nove code perché solo così filano dritte, è ‘a natura, nun ce se po’ fa gnente. Cecilia dice che Prospero c’ha ‘n brutto carattere, ma dice pure che è normale perché lui è ‘n omo de curtura. A casa tiene ‘na libreria piena de libri. Guai a toccàlla; Cecilia nun ce po’ mette mano, nun solo perché adesso è mezza cecata, ma manco prima, quanno che era giovane. Nun c’era tempo pe’ legge i libri: chi cucina e chi lava e chi stira e chi li guarda i regazzini? Lei è arrivata alla prima media, lui invece c’ha la laurea da professore. A casa de lei nun leggeva nessuno perché i libri costavano e a casa nun c’erano né spazio né sordi. Ando’ li fanno i sordi?, jie diceva er padre.

© micolgraziano | Diritti riservati

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...